Seguimi su Google Plus   Seguimi su Twitter   Seguimi su Linkedin   Seguimi su Linkedin

domenica 11 marzo 2012

Un insolito designer artigianale: useDesign





Perché insolito? Perché il designer Luca Scarpellini di useDesign è un designer artigianale molto originale, sempre alla ricerca di oggetti vecchi, di scarto, riciclati, per poi ricrearne di nuovi dando loro una funzione diversa.
Luca è un designer curioso, stimolato continuamente da ciò che lo circonda, il suo laboratorio sembra una "clinica per oggetti", dove lui assembla e modifica le sue creazioni.
Abbiamo scambiato due chiacchiere con Luca, leggete cos'ha da dirci!




Luca, "useDesign" è un nome che attira, vuoi spiegarci che messaggio vuoi comunicare?

useDesign è un gioco di parole. Come tutto, nel mio lavoro e nella mia vita, esso è la fusione di più significati che trovano una nuova formula per definire un concetto. L’inglese mi ha prestato due parole: “use” e “design”, parole che ho cercato di fondere in un'unica che ne contenesse una terza: “used”. Queste tre parole, assieme, esprimono il significato del mio lavoro, cioè oggetti di design con una chiara e semplice funzionalità che prendono vita da oggetti usati.




Come nasce useDesign, passione per oggetti vecchi, abbandonati, riciclati...?

useDesign nasce dalla morbosa curiosità riguardo alla vita passata, a noi sconosciuta degli oggetti abbandonati. Vi siete mai chiesti cosa abbia dovuto sopportare o quale tipo di esistenza abbia avuto un vecchio aspirapolvere abbandonato al freddo e allo sporco di un mercatino delle pulci? Avete mai tentato, inutilmente, di dedurne il passato osservando ed analizzando i graffi e le ammaccature che lo caratterizzano?



Sono stato sempre affascinato dai mercatini dell’usato e dai ferrivecchi da ben prima della nascita di useDesign. Spesso andavo in questi posti magici solo per godere dello spettacolo che regolarmente mi si presentava agli occhi. Era un po’ come andare in piazza o al parco e incontrare altre persone. Ogni oggetto mi parlava, o meglio, tentava di comunicare qualcosa, che però non riuscivo a capire fino in fondo. Credo che gli oggetti abbandonati abbiano tanto da dire, ma che usino un linguaggio che a noi non è del tutto comprensibile, per cui non riusciamo a percepirne il reale contenuto.
Molte persone scelgono, volontariamente o meno, di ignorare questi messaggi per quieto vivere, o per non farsi distrarre dalla normale vita quotidiana.
useDesign è nata in funzione di un’affannata ricerca di risposte.





Come ti è venuta l'ispirazione per creare una linea di design dal riciclo?

Il primo pezzo di design che ho creato era un regalo per una ragazza: una bilancina trasformata in lampada, verniciata di fucsia metallizzato. Dopodiché, nell’arco di un anno ho realizzato altri quattro prodotti: un orologio/telefono verde e due fermalibri/ferri da stiro, anch’essi verdi e una lampada/moka blu, tutti realizzati come regali per persone speciali.
Avevo ottenuto degli oggetti interessanti, e sotto la spinta di amici e curiosi decisi di lanciarmi in quest'avventura, realizzando la prima linea di prodotti, creando il marchio ed organizzando una mostra a Ravenna. Dato il successo di quest’ultima, mi convinsi di proseguire il mio lavoro e continuare a produrre oggetti da materiale di recupero. Il resto è storia.. ;-)






Possiamo dire che useDesign è una rivisitazione dell'usato, o c'è qualche altro ingrediente essenziale?

Io definisco il mio lavoro come un “funerale in grande stile”, una degna sepoltura di tutto quello che gli oggetti usati si trascinano dalla loro precedente vita. useDesign non parte dal voler dare nuova vita, ma dal voler cancellare gli ultimi barlumi di quella già trascorsa. Questo è il motivo per cui ogni oggetto che esce dal mio laboratorio è verniciato oppure sabbiato. L’ingrediente che rende useDesign unico nel panorama contemporaneo è proprio questo aspetto, seppur estremo, dell’interpretazione di design.

























Come lavori gli oggetti che trovi interessanti, quali sono le fasi del tuo lavoro: scelta pezzi, pulitura, montaggio, assemblaggio, etc.


Come ho appena detto, verniciature e sabbiature sono le fasi più importanti del mio lavoro, forse ancora più importanti della scelta stessa dell’oggetto di partenza.
Per esempio, una delle mie ultime collezioni, la linea 27gradi, è nata da una serie di ventole industriali trasformate in orologi. La scelta dell’oggetto di partenza era quasi casuale, forse banale e non programmata, ma la sorpresa nel trovare una piccola scritta sotto lo sporco durante la fase di sabbiatura ha reso questa linea unica e carica di significato.















Il sabbiare, ma anche il verniciare, sono fasi di ricerca importanti che mi aiutano a scoprire i materiali e gli oggetti, un po’ come se denudarli o seppellirli mi permettesse di conoscerli nel profondo. Esistono diversi tipi di oggetti usati: quelli che semplicemente mi incuriosiscono e quelli che invece mi “chiamano” e mi attirano fino ad innamorarmene. Entrambi gli aspetti sono importanti nella fase di scelta del pezzo usato da lavorare e implicano un diverso attaccamento ad esso e quindi, una diversa azione di restyling.














Dai tuoi pezzi mi sembra di capire che ogni oggetto per te ha varie possibilità di essere utilizzato. Quando scegli un oggetto, tu riesci a vedere subito il prossimo utilizzo che avrà, oppure ne rimani affascinato e poi in seguito decidi come assemblarlo?


Generalmente cerco proprio quegli oggetti che mi attirano maggiormente e nella maggior parte dei casi mi lego ad un particolare oggetto immediatamente dopo averlo scorto tra i rottami. E’ l’oggetto stesso che mi sceglie, in un certo modo.
Nella maggior parte dei casi riesco a visualizzare la nuova funzione, e spesso anche il colore o la finitura, al primo sguardo, ma non sempre l’oggetto viene trasformato subito. Ci sono oggetti nel mio laboratorio che attendono di essere trasformati da anni, ma dei quali non ho ancora avuto la giusta ispirazione. Alcuni prodotti invece sono stati ormai standardizzati nel corso del tempo, come accade per le lampade da tavolo con le pistole giocattolo della linea childhood e perciò, quando le trovo nei mercatini, le raccolgo in vista di una futura produzione.






Trovi stimolante che grazie al tuo design, le persone possano portare nelle loro case nuove oggetti di vecchia manifattura?

Assolutamente sì. Spesso definisco il mio lavoro come una sorta di arte funzionale, un'arte la cui peculiarità sia quella di realizzare sculture che abbiano una ben definita funzionalità. È proprio questo collocamento di useDesign a metà strada tra arte e design che la rende molto particolare e diversa dagli altri marchi di design del riuso. Ed è anche il motivo per cui i designer normalmente mi accusano di fare arte e gli artisti mi accusano di fare design. Vivo in una terra di mezzo, convinto che un giorno la gente possa pienamente capire questo settore e possa vedere i miei prodotti come vere e proprie sculture funzionali.





Pensi che in un futuro prossimo il tuo design diventi un design di punta?
Pensi che si ritornerà all'antico, all'usato, e sempre di più al riciclo?


Beh, negli ultimi anni assistiamo ad un sempre più compreso e radicato spirito del riuso e del riciclo. I giornalisti pubblicano sempre più volentieri i prodotti di riuso collocandoli allo stesso livello dei prodotti di design industriale. Questo fa ben sperare in vista di un futuro in cui finalmente i designer e gli artisti del riuso avranno una loro ben definita corrente artistica.




Interessante...e i tuoi pezzi sono unici, come da collezione, o produci anche più pezzi uguali?

Al momento attuale useDesign si compone di 8 linee di prodotti, alcune delle quali composte da pezzi la cui realizzazione può essere serializzata. La maggior parte delle nostre opere però sono pezzi unici secondo diverse modalità.
La linea childhood per esempio, composta da lampade realizzate con vecchie pistole giocattolo, è una linea in cui l’idea rimane costante, mentre ogni modello è diverso dagli altri; la linea 27gradi è una serie limitata e numerata di 21 orologi apparentemente uguali; la linea underSkin invece consiste in oggetti pensati per essere ripetibili in maniera sempre uguale. La linea di prodotti che caratterizza maggiormente useDesign è la linea luxury. Questa collezione è composta invece da pezzi unici, numerati da 1 a 24. Esistono infatti solamente 24 versioni diverse dello stesso oggetto, che sia una lampada con una moka o un asciugacapelli oppure un orologio con un ferro da stiro.




Hai un laboratorio, un atelier, dove si possono visionare i tuoi prodotti?

I prodotti useDesign nascono nel mio laboratorio -30 metri quadrati nelle aperte campagne romagnole nei dintorni di Forlì- per poi essere venduti ed esposti in tutta Italia. Sul nostro sito web www.usedesign.it potete trovare tutti i punti vendita tramite i quali attualmente distribuiamo i nostri pezzi unici e le nostre serie limitate. Normalmente i prodotti non sono esposti in laboratorio, ma organizzo continuamente mostre sul territorio nazionale ed internazionale presso gallerie d’arte e locali. Si può consultare il nostro sito web ed iscriversi alla newsletter dalla pagina “contatti” per rimanere sempre aggiornati sulle nostre attività, mostre e sui nuovi prodotti e punti vendita.


Ringraziamo Luca per aver scambiato due chiacchiere con noi ed averci accompagnato in questa visita nel suo originale modo di coniugare arte e design.

Dove trovare Luca e come contattarlo?



sede: Via del Bosco 6/a, 47122, Forlì (FC)
telefono: (+39) 339 1042325
fax: (+39) 0543 728078
sito web: www.usedesign.it


Le foto utilizzate in quest'articolo sono una gentile concessione di useDESIGN©

1 commento:

  1. This is really interesting, You are a very skilled blogger.
    I have joined your feed and stay up for seeking more of your excellent post.
    Also, I've shared your website in my social
    networks

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails